PIMS&THE CITY

PIMS&THE CITY

Aperitivo non rientra tra i vocaboli inglesi. Non ne vogliano i milanesi che ne hanno fatto cultura e forma di sopravvivenza sociale, oltre che taglio al budget “spesa alimentare” settimanale. Se ne compiacciano però i veneti che con lo spritz si sono ritagliati un posto al sole anche nella City. Il post office da queste parti è al sapore di luppolo, meglio se ne nella versione “ale/bitter inglese: poco gas, poco fredda ma con un ventaglio di sapori/profumi/odori tutti da scoprire” (fonte: Davide B. team leader di The Sun in Splendour – Pembridge 23 – gastropub che accompagna all’ingresso di Portobello Road, ndr). Ma esistono anche le eccezioni. Il Pims, sorta di Sprizt con aggiunta di Vermouth, fragole e cetrioli, è tra queste, oltre ad essere quanto di più aperitivabile si scova per Londra. Una carica alcolica da consumarsi tra le 17 e le 19, meglio se a due passi da “The Cheesegrater” (la grattugia), al secolo Leadenhall Building, grattacielo da 50 piani e 225 metri progettato dallo studio di Richard Rogers, Rogers Stirk Harbour + Partners posizionato di fronte allo storico Lloyd’s Building. Aspettando il 2014, anno della sua apertura, i colletti bianchi, abbandonate le scrivanie, girano l’angolo e si incontrando al Leadenhall Market. Un angolo old england tutto volte e insegne british dove Burberry e altri negozi vocati all’abito su misura si alternano a pub e alle immancabili grandi catene come Cafè Nero, Pret à manager e Costa per spuntini veloci. L’Happy hour milanese per i Queen addicted si consuma qui appoggiati a banconi in legno massello scegliendo quale birra far spillare. La variante più fashion e più metropolitana si scova invece in DavonShire Square, in zona Liverpool Street. Un recupero industriale ben riuscito in cui gli studi design e le banche affacciano su corti interne destinate all'”eating”. Alternativa?Un buon bicchiere di Pinot Grigio o di Primitivo acquistati da Waitrose (http://www.waitrose.com), catena di “quality food&wine market” in cui il capitolo etichette italiane non è secondario.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s